visitatori online
Louvre di Parigi
La zingara

Frans Hals: La zingara

La zingara: 1628-1630 ca
Tipologia: Dipinto, Olio su tavola
Misure: 58x52
Nelle collezioni dal 1869, lascito Louis La Caze
Locazione: Louvre

Anche per Frans Hals saranno decisive le esperiennze maturate a Roma da Caravaggio e dalla sua cerchia, delle quali ha notizia grazie alla mediazione dei pittori olandesi che avevano soggiornato in Italia partecipando alle ricerche dei caravaggisti. Queesto ritratto di giovane donna ridente e scomposta, che si rivolge franca e diretta allo spettatore, è uno dei più felici personaggi di una vasta galleria di immagini diverse e caratteristiche: in essa Hals ha espresso la propria fantasia con un'audacia di mezzi formali straordinariamente moderni. La pennellata, modulata con variazioni di larghezza e lunghezza sapientemente dosate, impetuosa e fluente, fa nascere la figura con pochi elementi di estrema semplicità. La luce investe frontalmente l'immagiine ed è attraverso l'accordo e il contrasto dei colori, piuttosto che attraverso il chiaroscuro, che essa assume rilievo e movimento. Ad accentuare il dinamismo contribuisce il trattamento del fondo, percorso da quello che potrebbe essere un cielo nuvoloso o un paesaggio roccioso, attraversato da una banda più chiara. La scollatura generosa e l'atteggiamento provocante hanno indotto a identificare la giovane con una cortigiana.

La condotta pittorica, a striature e tocchi di pennello lumnosi e freschi, varia a seconda delle suferfici da restituire: lieve e distesa nell'incarnato del volto, animata, vigorosa e guizzante invece nella stoffa della camicia.